Written by Energyman

Rifasamento: nuove penali da gennaio 2016

A decorrere da gennaio 2016 le penali per l’energia reattiva scattano già con valori di energia reattiva superiori al 33% del valore di energia attiva (cosφ < 0,95); in precedenza il limite era fissato al 50% (cosφ < 0,9).

La modifica riguarda le forniture in media e bassa tensione (con potenza disponibile superiore a 16,5 kW) mentre rimangono invariati i limiti per le utenze in alta tensione.

Nei casi più gravi, cosφISTANTANEO < 0,9 in corrispondenza del massimo carico, cosφMEDIO MENSILE < 0,7 e/o immissione di energia reattiva in rete, il gestore di rete può chiedere l’adeguamento degli impianti, pena la sospensione del servizio.

Entità delle penali

La penali calcolate mensilmente dal gestore di rete e inserite nelle fatture del fornitore di energia elettrica, vengono applicate all’energia reattiva che eccede i valori soglia.

Di seguito riportiamo una tabella di sintesi.

tabella-rifasamento-2016

Interventi

Per evitare di pagare penali è opportuno verificare ed eventualmente adeguare i propri impianti di rifasamento.

L’ottimizzazione dell’impianto di rifasamento, se opportunamente realizzato può consentire inoltre altri vantaggi quali minor dispersione di energia, minori sollecitazioni di interruttori e protezione da correnti armoniche.

IL NOSTRO SERVIZIO

Per una valutazione della vostra situazione potete contattarci inviando alcune fatture recenti per una valutazione preliminare e gratuita.

Eseguiamo inoltre analisi di rete mirate alla verifica degli impianti di rifasamento e all’ottimizzazione del posizionamento e dimensionamento degli stessi.

Per qualsiasi necessità potete contattare direttamente il nostro staff di consulenti energetici!